L’ASSOCIAZIONE RIAPRE

La sede dell’Associazione Pensionati riaprirà il giorno

25 MAGGIO 2020

Si potrà accedere agli uffici SOLO SU APPUNTAMENTO telefonico e con l’osservanza delle prescrizioni dettate dal DCPM 24 aprile 2020 e dell’ordinanza della Regione Lombardia n. 547 del 17 maggio 2020.

Gli uffici saranno aperti dal lunedì al venerdì con i seguenti orari:

mattino 10:00 - 13:00

pomeriggio 14:00 - 16:00


Recapiti utili per l’assistenza:

email associazione: pensionaticariplo@gmail.com

sig. Dante Manara: tel: 02 866 497

email: d.manara@associazionepensionaticariplo.it

sig. Giuseppe Tiritiello: tel: 02 877 253

email: g.tiritiello@associazionepensionaticariplo.it

Publichiamo qui di seguito i risultati delle elezioni negli Organi amministrativi del Fondo Sanitario.

Il risultato, positivo da un lato per la nostra lista, con le elezioni a larga maggioranza di Filippo Vasta nel Consiglio di Amministrazione e di Gilberto Godino nell'Assemblea dei delegati, lascia, dall'atro lato, un certo amaro in bocca per la mancata elezione di un secodo candidato da noi proposto per l'Assembea dei delegati. Infatti, Francesco Basilico, secondo come numero di voti conseguiti, non é risultato eletto a causa del meccanismo elettorale che, per effetto del discutibile giuoco dei resti, ha privilegiato un soggetto proposto dall'intersindacale, che ha formato il cosiddetto "listone".

La nota dolente, consueta, deriva dal fatto che, a causa di uno statuto ampiamente antidemocratico, la maggioranza bulgara negli organi amministrativi è composta da soggetti appartenenti, a parte i CUB, alle cosiddette "fonti istitutive" (banca e sindacati) che si appropriano di questo appellativo senza averne né titolo, né diritto, come chiarito sia dal Tribunale che dalla Corte d'Appello di Milano.

La circostanza comporta che il compito dei nostri rappresentanti é improbo, perché risultano essere soli contro tutti e inascoltati.

Tuttavia, la loro professionalità e competenza, indiscutibili, non mancheranno di far emergere, in seno ai rispettivi Organi, le incongruenze e le contraddizioni che ormai da anni penalizzano la nostra categoria, così come non mancheranno di portare avanti importanti istanze sulle differenze di trattamento fra attivi e pensionati (differenti contribuzioni per persone a carico e non dei pensionati, quote differite, franchigie e quant'altro) derivanti da prepotenza e arroganza di chi non conosce le più elementari regole della democrazia che dovrebbero essere la norma in una comunità, in seno alla quale andrebbero riconosciuti a tutti medesimi diritti.

Accesso Utenti

Viste

Oggi112
Ieri100
Settimana212
Mese1364
Totale68784

Online Adesso

1
Online